DIEGO CROTTI
PHOTOGRAPHY
Vai ai contenuti

96° ANNIVERSARIO DELL’AERONAUTICA MILITARE: CERIMONIA A CIAMPINO CON IL MINISTRO DELLA DIFESA ELISABETTA TRENTA ED I VERTICI DELLE FORZE ARMATE

DIEGO CROTTI PHOTOGRAPHY
Pubblicato da in NEWS AERONAUTICA MILITARE ITALIANA ·
Riconoscimenti per la 46ª Brigata Aerea di Pisa ed il 3° Reparto Genio di Bari Palese, per l'impegno in operazioni nazionali ed internazionali a supporto della popolazione.
Si è svolta oggi, giovedì 28 marzo, presso l'aeroporto militare di Ciampino, la cerimonia per il 96° anniversario della costituzione dell'Aeronautica Militare.All'evento hanno preso parte il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli, ed i vertici delle Forze Armate, oltre a diverse autorità militari, civili e religiose.
DUE REPARTI PREMIATI La cerimonia si è aperta con il conferimento di due importanti riconoscimenti a Reparti impegnati in operazioni nazionali ed internazionali. Alla Bandiera di Guerra della 46^ Brigata Aerea di Pisa è stata tributata la decorazione di Cavaliere dell'Ordine Militare d'Italia per il prezioso supporto fornito per il trasporto tattico ed il rifornimento in volo in molteplici ed impegnative operazioni di mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, un riconoscimento che assume un significato ancora più particolare in questo momento, con gli equipaggi della Brigata impegnati nel trasporto di operatori della Protezione Civile ed aiuti umanitari per le popolazioni colpite dal terribile ciclone Idai in Mozambico. Al 3° Reparto Genio AM di Bari Palese, invece, è stata concessa la targa di benemerenza "Icaro" 2018, per il contributo fornito in importanti interventi infrastrutturali e per la sicurezza di grandi eventi internazionali ed emergenze nazionali quali ad esempio l'ultimo G7 di Taormina e l'emergenza neve nelle Marche del 2017.
GLI INTERVENTI DELL'AUTORITÀ Ha aperto l'intervento del Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, generale di squadra aerea Alberto Rosso, che dopo aver rivolto un pensiero ai Caduti in servizio nell'assolvimento del proprio dovere, ha voluto ripercorrere brevemente le tappe più significative della storia dell'Arma Azzurra e il processo di trasformazione che sin da quel lontano 28 marzo del 1923 ha permesso di dotare la nazione di un'organizzazione militare indipendente e di rilevanza strategica, al pari delle altre Forze Armate. "Oggi come allora" - ha evidenziato il Gen. Rosso - "l'Aeronautica Militare rappresenta una risorsa strategica, preziosa ed irrinunciabile al servizio dell'Italia e sostanzia la componente dello strumento militare nazionale a cui risale il compito di esprimere il potere aero-spaziale della Difesa, in piena sinergia e univocità d'intenti con le componenti terrestri e navali. Il veloce progresso tecnologico richiede alla Forza Armata una continua valorizzazione della propria competenza distintiva nella dimensione aerea, anche nella prospettiva di rafforzare il ruolo di attore abilitante nella naturale estensione verso l'aerospazio e lo spazio. In questa prospettiva - ha aggiunto il Gen. Rosso - è il contributo dell'Arma Azzurra a tutela e per la sicurezza e difesa del Paese, del suo territorio e dei suoi cittadini, così come lo è a sostegno della presenza e ruolo nazionale in seno alla NATO, alla UE e alle Nazioni Unite, sino all'apporto al mantenimento della pace e della stabilità internazionale, esercitato anche attraverso le operazioni al di fuori dei confini nazionali, nelle quali trova ulteriore conferma l'esemplare professionalità, competenza e generosità del nostro personale".
A seguire le parole del Generale Vecciarelli, che ha voluto rivolgere il proprio plauso a tutto il personale dell'Aeronautica, militari e civili, "per la vostra quotidiana 'naturale' eccezionalità, che attraverso ogni singolo vostro gesto, parte di un armonico lavoro di squadra, consente di rendere reale e concreta la sicurezza e la difesa di ogni italiano, anche quando non se ne percepisce immediatamente il bisogno".
Infine l'intervento del Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, che nel ricordare la storia della Forza Armata iniziata 96 anni fa, ha evidenziato come "oggi l'Aeronautica Militare è una componente fondamentale dello strumento militare nazionale, una risorsa strategica preziosa, in grado di esprimere capacità operative ed eccellenze tecnologiche di altissimo livello, sia al servizio del Paese sia per la salvaguardia della sicurezza e della stabilità internazionale, in un approccio sempre più interforze e internazionale". "La protezione dei nostri cieli - ha aggiunto il Ministro - così come il soccorso alle popolazioni colpite da calamità, il trasporto d'urgenza di malati, il contributo alla difesa degli spazi euro-atlantici e alle missioni internazionali sono solo alcune delle innumerevoli attività che le donne e gli uomini in uniforme azzurra sostengono con grande impegno e delle quali, come cittadini italiani, dobbiamo essere profondamente orgogliosi."
GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
"Nella ricorrenza del 96° anniversario della costituzione dell'Aeronautica Militare rivolgo un pensiero di riconoscenza e gratitudine agli Aviatori che hanno servito con onore, dedizione e sacrificio il nostro Paese e rendo omaggio alla sua Bandiera, simbolo di unità e del valore degli appartenenti all'Arma Azzurra.
L'Aeronautica Militare è impegnata quotidianamente nel suo ruolo di salvaguardia dello spazio aereo a tutela della sicurezza del Paese, dei Paesi alleati, della comunità internazionale. Le Forze Armate Italiane e quelle della Nato, dell'Unione Europea e dei paesi amici, contribuiscono a combattere la minaccia terroristica e a riaffermare i diritti fondamentali dell'uomo nelle tante aree martoriate a cui rivolgono il proprio sostegno.
Esprimo la mia più sentita gratitudine in particolare a tutto il personale impiegato nei teatri operativi, che opera con grande professionalità, nel rispetto delle identità locali. Con impegno e dedizione gli Aviatori sono impegnati quotidianamente a sostegno della collettività: i trasporti sanitari di urgenza ed in alto-biocontenimento, la ricerca ed il soccorso aereo, la meteorologia, la sorveglianza aerea del territorio in supporto alle Forze di Polizia, i servizi di assistenza al traffico aereo, il soccorso, l'assistenza alle popolazioni colpite da pubbliche calamità, le attività di supporto alla sperimentazione in ambito aereo-spaziale, sono fra le qualificate attività sviluppate.
Alle donne e agli uomini di ogni ordine e grado dell'Aeronautica, al personale civile, alle famiglie giunga, in questa giornata, l'augurio e il saluto più caloroso della Repubblica.
Viva l'Aeronautica Militare, viva le Forze Armate, viva l'Italia!"







Torna ai contenuti